Il ballo - Come le mosche d'autunno

Irène Némirovsky, 13

Voto medio di 104
| 22 contributi totali di cui 18 recensioni , 4 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Il ballo ha la perfezione esemplare di un piccolo classico, poiché riesce a mescolare, pur nella sua brevità, i temi più ardui: la rivalità madre-figlia, l'ipocrisia sociale, le goffe vertitigini della ricchezza improvvisata, le vendette smisurate de
Gresi
Wrote 2/16/20
Man mano che il mio percorso con la Nèmirovskij prosegue, senza guardarmi alle spalle, il mio inclinamento interiore, il mio amore nei suoi riguardi si tramuta in ossessione, possessione, straziante e irrazionale fonte d’ispirazione. Un bellissimo mo...Continua
null
Insieme, la Newton Compton pubblica due racconti della Némirovsky completamente diversi per stile, atmosfera, trama e finale, ma accumunati da elementi della vita reale della Nostra: il dolore per la perduta patria (la Russia) nel primo e l'ostilità,...Continua

Due racconti in stile Némirovsky che si comprendono meglio conoscendo la biografia dell'autrice. Una lettura piacevole ma non condivido l'entusiasmo generale.

Mi sono imbattuta in Irène Némirovsky per caso e, incuriosita da come si parlava bene di lei e dalla sua storia personale (che sembra essa stessa un romanzo), ho deciso di leggere qualcosa di suo. Si tratta di una scrittrice di talento dallo stile fo...Continua
Stefy
Wrote 11/12/14
Ho letto "come le mosche d'autunno" avendo giá letto in un'altra edizione "Il ballo", quest'ultimo è un racconto che ho apprezzato particolarmente e mi ha fatto conoscere questa meravigliosa scrittrice. Anche il racconto "come le mosche d'autunno" co...Continua

Il giardino dei...
Wrote Nov 23, 2014, 14:38
Ancora un'ora persa, sprofondata nel nulla, che è colata via tra le dita come acqua e che non tornerà più..."Vorrei andarmene lontano, oppure morire...". Il ballo
Pag. 100
Il giardino dei...
Wrote Nov 23, 2014, 14:35
Sin dal mattino si chiudevano le imposte e le finestre, e nelle quattro piccole stanze oscure, i Karin vivevano fino a sera, senza uscire, infastiditi dai rumori di Parigi, respirando disgustati il tanfo dei lavelli e delle cucine che saliva dal cort...Continua
Pag. 53
Giannina Alchemilla
Wrote Feb 11, 2013, 16:08
Andavano avanti e indietro, da un muro all'altro, in silenzio, come le mosche d'autunno, quando passati il caldo, la luce e l'estate, volano a fatica, stanche e irritate, sui vetri, trascinando le loro ali morte.
Pag. 53
Giannina Alchemilla
Wrote Feb 11, 2013, 16:07
Soffriamo solo a causa del nostro sangue: di quello da cui proveniamo, o della carne e del sangue che abbiamo generato...Le storie di donne, le storie di denaro, passano, si dimenticano, ma quando qualcuno dei nostri vi è implicato, quella sola gocci...Continua
Pag. 11

- TIPS -
No element found
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
No element found
Add the first note!

- TIPS -
No element found
Add the first video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
by Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Book form
Add