Il profumo delle foglie di tè

Voto medio di 212
| 35 contributi totali di cui 32 recensioni , 3 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Londra, anni Venti. Gwendolyn Hooper, giovane donna inglese appena sposata, si trasferisce nella lontana isola di Ceylon per raggiungere il marito. Ma l’uomo che le viene incontro nella piantagionedi tè non è lo stesso di cui si era innamorata in Ing ...Continua

Classico polpettone. Neanche da leggere in spiaggia, solo mieloso e prevedibile. Meglio la Kinsella, che almeno qualche risata la strappa e sa scrivere almeno un po’.

Mi aspettavo di peggio da questo romanzo, visto che avevo letto recensioni negative da parte di alcune amiche con cui di solito mi trovo d'accordo. Invece si tratta di una storia ben articolata, che all'inizio sembra somigliare parecchio a una versio...Continua

Una lettura piacevole e niente altro, il finale era prevedibile già a metà libro. Lo stile di scrittura è molto banale, a tratti irritante per la melensaggine, non riesce ad emozionare nemmeno nella parte più "toccante" della storia.

Ofi*
Wrote 11/22/19

Orribile, niente da aggiungere, la protagonista è quanto di più seccante possa esistere. sta lì a prendere la polvere, e li rimarrà. Anzi potrebbe essere un pratico sotto tavolo

Maristella
Wrote 10/16/19
IL PROFUMO DELLE FOGLIE DI TE'
“Il profumo delle foglie di tè” (edito in Italia da Newton Compton nel 2016) di Dina Jefferies (1948), autrice nata in Malesia e trasferitasi in Inghilterra a soli otto anni, è stato tradotto in diciassette lingue balzando subito in vetta alle class...Continua

Pucci58
Wrote Sep 06, 2016, 19:36
Lei conosceva bene la capacità del senso di colpa di divorarti dall'interno, il modo in cui ti si attaccava addosso. All'inizio era quasi invisibile, poi cominciava a infettarsi e infine giungeva a vivere di vita propria.
Pag. 224
Pucci58
Wrote Sep 06, 2016, 19:33
Gwen comprese appieno la fragilità dell'amore, e ciò che comportava. Era così facile rovinarlo. Così facile, a quanto pare, spezzarlo.
Pag. 185
JessichinaP.
Wrote Aug 30, 2016, 08:48
"Si rese conto che la casa non era un posto fisico. Era l'insieme delle relazioni che aveva con ogni cosa che toccava, vedeva e sentiva quotidianamente. Era la certezza di essere in un posto familiare e di sentire l'odore di un sentiero conosciuto. L...Continua

- TIPS -
No element found
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
No element found
Add the first note!

- TIPS -
No element found
Add the first video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
by Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Book form
Add