Voto medio di 391
| 64 contributi totali di cui 57 recensioni , 7 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Kambili ha quindici anni. Vive a Enugu, in Nigeria, con i genitori e il fratello Jaja. Suo padre Eugene, proprietario dell'unico giornale indipendente in un Paese sull'orlo della guerra civile, è agli occhi della comunità un modello di generosità e c ...Continua
Fenikso
Wrote 1/10/21
Impossibile restare delusi da un romanzo di quest'autrice. "Metà di un sole giallo" continua a restare il mio preferito in assoluto, ma anche "L'ibisco viola" è davvero un gran bel romanzo. Kambili all'inizio è ancora una bambina, che non sa niente d...Continua
Sono bastate poche pagine e, come in ogni libro di Chimamanda Ngozi Adichie, mi sono ritrovato nella storia. Ero in Nigeria, ero a Nsukka, discutevo con Obirora, soffrivo per Jaja e Kambili, soffrivo con Jaja e Kambili. Come sempre, alla fine della l...Continua
Jimmy
Wrote 2/15/20
“Quella notte sognai che stava ridendo , ma non sembrava il suono della mia risata , anche se non sapevo troppo bene come suonasse la mia risata. Era chioccante , rauca ed entusiastica , come quella di zia Ifeoma. “
Se la mia memoria mi permettesse di ricordare tutti i vocaboli di etnia Igbo dei quali l’autrice fa continuamente uso , dopo questo mio terzo romanzo dovrei averne acquisito una certa conoscenza. Purtroppo così non è quindi quando essi ricompaiono ,...Continua
LauraT
Wrote 9/10/19

Interesting look into Nigeria, a country Abou which I, sincerelly, don't know a thing. As of Africa in general, I'm afraid

mansion
Wrote 3/30/19

Non il capolavoro di cui si dice ma un libro che sa costruire la banale ripetitività della tensione e la rottura dell'ordine. Sicuramente un romanzo che va in crescendo.


Daniela Polla
Wrote Sep 18, 2017, 20:11
Avevo sorriso, corso, riso. Il mio petto era pieno di qualcosa che sembrava bagnoschiuma. Leggero. La leggerezza era così dolce che la assaporavo sulla lingua, la leggerezza di un frutto giallo acceso di anacardio troppo maturo.
Giannina Alchemilla
Wrote Aug 12, 2013, 21:12
Certe persone, ha scritto una volta, pensano che noi non possiamo autogovernarci perché le rare volte che ci abbiamo provato abbiamo fallito, come se tutti quelli che oggi si autogovernano ci fossero riusciti la prima volta. E' come dire ad un bambin...Continua
Pag. 270
Giannina Alchemilla
Wrote Aug 12, 2013, 21:10
che a volte ciò che è diverso è buono come quello che ci è familiare.
Pag. 152
Giannina Alchemilla
Wrote Aug 12, 2013, 21:08
La ribellione è come la marijuana: non è una cosa cattiva quando è usata bene.
Pag. 134
Giannina Alchemilla
Wrote Aug 12, 2013, 21:07
Non possiamo partecipare a ciò che combattiamo, ci diceva spesso.
Pag. 104

- TIPS -
No element found
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
No element found
Add the first note!

- TIPS -
No element found
Add the first video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
by Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Book form
Add