La fuga
by James Dashner
(*)(*)(*)(*)( )(1,051)
Serie The Maze Runner n. 2

Quando l’uomo vestito di bianco e dalla faccia da ratto finì di parlare, Thomas capì che per lui e gli altri Radurai l’ora delle Prove non era ancora terminata…

Il Labirinto e i viscidi Dolenti sono ben poca cosa se paragonati alla lunga marcia che la Cattivo h

... More

All Reviews

80 + 62 in other languages
TerroneneroTerronenero wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
Enrico ScebbaEnrico Scebba wrote a review
00
(*)(*)( )( )( )
Best In The WorldBest In The World wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
Il Labirinto e i viscidi Dolenti sono ben poca cosa se paragonati alla lunga marcia che la malefica organizzazione denominata C.A.T.T.I.V.O. ha pianificato per i pochi sopravvissuti che tiene prigionieri, i Radurai, attraverso la Zona Bruciata. La squallida landa inaridita da un sole accecante è sferzata da tempeste di fulmini, e popolata da esseri umani che l'Eruzione, il temibile morbo che rende folli, ha ridotto a zombi assetati di sangue. Nelle due settimane in cui dovranno percorrere i centocinquanta chilometri che li separano dal porto sicuro, la loro meta, tra cunicoli sotterranei infestati da sfere metalliche affamate di teste umane e creature senza volto dagli artigli letali, i Radurai dovranno dar prova del loro coraggio e dar voce al loro istinto di sopravvivenza.
In questo scenario di desolazione, superando le insidie di città fatiscenti e foreste rase al suolo, il viaggio verso il luogo misterioso in cui potranno ottenere la cura che salverà loro stessi e il mondo diventerà per Thomas, Brenda, Minho e gli altri un percorso di scoperta del proprio mondo interiore, del limite oltre il quale è possibile spingere le proprie paure.
Secondo romanzo della trilogia sicuramente il migliore dei tre. La storia fin dall'inizio è frenetica e veloce senza mai annoiare o fermarsi. Si conosceranno moltissime cose sui protagonisti e gli antagonisti e il loro passato lasciando aperte molte domande a cui l'autore dovrà rispondere nel capitolo conclusivo. La violenza è molto più accentuata rispetto al capitolo precedente e sicuramente è un romanzo molto "horror" che per alcunui versi ricorda i film di Romero.